La foto di Giuseppe Marano in critics

Fotografia di: Giuseppe Marano Bio del fotografo:  Nato a Catania Giuseppe Marano scopre la fotografia agli inizi degli studi universitari in comunicazione, al termine dei quali inizia a dedicarsi a tempo pieno alla fotografia. Sin da subito appare chiaro l’interesse per una fotografia di stampo umanistico. Dopo i primi anni dedicati agli studi da autodidatta, […]

Read More

Sergio Larrain, il poeta vagabondo della fotografia

Una buona immagine nasce da uno stato di grazia. Tale stato si manifesta quando uno è libero dalle convenzioni, libero come un bambino che inizia a scoprire la realtà. Sergio Larrain Giusto pochi giorni fa mi è stata segnalata una lettera che il fotografo cileno Sergio Larrain scrisse a suo nipote, Sebastiàn Donoso, in risposta […]

Read More

Critics, l’importanza del confronto

Noi vediamo, come si dice, secondo l’educazione che abbiamo ricevuto. Nel mondo vediamo solo ciò che abbiamo imparato a credere che il mondo contenga. Siamo stati condizionati ad “aspettarci” di vedere. E, in effetti, tale consenso sulla funzione degli oggetti ha una validità sociale. Come fotografi però, dobbiamo imparare a vedere senza preconcetti. Aaron Siskind […]

Read More

Rana Plaza, oggi un anno fa

E' stato il peggior disastro della storia dell'industria del tessile. Era il 24 Aprile del 2013. A fronte di un improvviso black out vennero accesi contemporaneamente tutti i generatori elettrici dell'edificio e le vibrazioni molto probabilmente combinate ai materiali scadenti fecero il disastro: il Rana Plaza collassò. Morirono 1.129 persone tra lavoratori, gente comune, soccorritori.

Read More

L’album di matrimonio, una tradizione da salvaguardare

“Credo che la massima ambizione per una fotografia sia di finire in un album di famiglia” dice Ferdinando Scianna e aggiunge “la novità introdotta dalla Fotografia, il suo scandalo, in un certo senso, consiste nel fatto che le immagini fotografiche, per la prima volta nella storia dell’umanità, ci hanno fornito immagini non fatte, ma ricevute, piccoli […]

Read More

Quando la ‘lingua’ cambia la sostanza

Sono quasi 20 anni che fotografo i matrimoni e nel corso di questi 4 lustri ho visto cambiare tante cose in ambito a questo genere fotografico. E’ praticamente scomparso il medio formato e il flash a torcia, il mitico Metz 45 CT5. Con l’avvento del digitale ho assistito a una vera rivoluzione. Gli album tradizionali […]

Read More

Magari fare una bella foto fosse facile!

To take a photograph is to participate in another person’s mortality, vulnerability, mutability. precisely by slicing out this moment and freezing it, all photographs testify to time’s relentless melt. Susan Sontag Ho letto di un curioso esperimento in cui è stata data una macchina fotografica ad un barbiere che niente aveva a che fare con […]

Read More

World Press Photo 2014, che invidia

Sono trascorsi solo pochi giorni dalla comunicazione dei vincitori dell’ultimo WPP ma già dalle prime ore – come ogni anno del resto – si sono moltiplicati articoli e condivisioni sui vari social network di chi è super contento dei risultati e di chi invece ne è rimasto molto deluso. E’ un po’ la stessa storia […]

Read More

Perché oggi è meglio non essere bravi fotografi.

Sto leggendo un libro molto interessante, ‘Dopo la fotografia’ di Fred Ritchin, che analizza talvolta con delle conclusioni piuttosto preoccupanti il futuro prossimo venturo della fotografia dopo l’avvento del digitale. E’ un libro del 2009 e in molte sue parti si è rivelato anche profetico. Devo dire che non bisognava essere particolarmente veggenti per capire […]

Read More

Fotografia, quale futuro? (dal Contrasto Day di Firenze)

Sono appena rientrato dal Contrasto Day che ho seguito fin dai primi incontri del mattino. Ne sono uscito con una vena di tristezza, accentuata  sicuramente dal mio stato d’animo, ma certamente avvalorata da quanto ascoltato. Nella tavola rotonda che apriva la giornata si sono alternate le voci delle 4 photoeditor tra le più importanti del […]

Read More